Exemple

Jump _ Convegno

Il 21 maggio 2020 alle ore 18:00 si conclude con un Convegno online, il progetto Jump: ciclo di incontri, seminari e workshop finalizzati a promuovere la conoscenza della mediazione penale minorile e degli altri percorsi di giustizia riparativa e il relativo documento proposto dall’AGIA (Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza).
………………………………………..
📌 La scaletta del convegno:
Saluti e introduzione da parte delle associazione Efys e F4CR Network

Intervengono:
Andrea Farina – Osservatorio Salesiano per i diritti dei minori
“Le linee guida AGIA e l’interesse del minore nel quadro costituzionale”

Grazia Maria De Matteis – Garante regionale per l’Infanzia e l’adolescenza
“La Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e il diritto alla partecipazione dei ragazzi nella mediazione”

Federica Palomba – Centro per la Giustizia Minorile della Sardegna
“Una giustizia per i minori: tra responsabilizzazione e riparazione”

Caterina Perra – Centro per la Giustizia Minorile della Sardegna
Esperienze: “La giustizia riparativa in Sardegna: esperienze e prospettive”

Gabriella Serra – Istituto Penale Minorile Quartucciu (Cagliari)
“La mediazione e il carcere minorile”

Moderatore
Roberto Loddo – Cooperativa Sociale Il Giardino di Clara
🔹🔸🔹

Info evento

La partecipazione avverrà tramite la piattaforma GoToWebinar, per iscriversi occorre compilare il modulo che trovate al seguente link:
https://attendee.gotowebinar.com/register/3430670199714545168

Vi aspettiamo!
………………………………………………………………………………………………….
Per informazioni scrivete a info@efys.it
…………………………………………………………………………………………………..
Jump è un progetto dell’associazione Efys Onlus, finanziato dall’AGIA (Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza) e realizzato in collaborazione con F4cr network – Fight for Children’s Rights e l’associazione Asarp, associazione sarda per l’attuazione della riforma psichiatrica e la partecipazione del Centro per la Giustizia Minorile della Sardegna.

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email
Exemple

Al via il progetto ACCRESCE!

Al via il progetto Accresce – Azioni Condivise per la Creazione di una Rete di Sostegno per la Comunità Educante, ideato da Efys e realizzato con i contributi Otto per Mille Valdese: il progetto è finalizzato a mettere concretamente in rete i singoli attori della comunità educante e rafforzarne le competenze attraverso strategie innovative di formazione, coinvolgimento, aggregazione, di messa a sistema e capitalizzazione delle buone prassi.

Il progetto si articola in diverse azioni:

seminari per offrire nuovi strumenti operativi a educatori, docenti, genitori, personale dei servizi territoriali e cittadini che a vario titolo hanno un ruolo educativi, a cui seguiranno workshop interattivi di approfondimento sulle tematiche trattate, con la possibilità di fissare degli incontri personalizzati con l’equipe di counselling psico-pedagogico.Sono in corso i #tavoli_programmatici con rappresentati della comunità educante per individuare i temi condivisi che saranno protagonisti dei prossimi seminari.

laboratori e corsi intergenerazionali, per minori e adulti, finalizzati a promuovere l’aggregazione sociale, l’intercultura, la partecipazione e la trasmissione dei saperi. Si parte con “Il Suono delle origini”, un ciclo di letture in lingua madre e italiano organizzato dalla Biblioteca, dagli operatori e dai genitori del Centro di quartiere La Bottega dei Sogni.
Sabato 29 febbraio inizierà il corso di italiano per donne straniere, che si terrà sempre il sabato dalle 10.00 alle 12.00.

Durante l’anno saranno attivati diversi laboratori

  •  laboratori di  alfabetizzazione digitale, per conoscere e utilizzare gli strumenti del digitale con una predisposizione critica e consapevole nei confronti delle informazioni disponibili in rete e dell’uso responsabile dei media;
  •  laboratorio di video storytelling per fare pratica di creazione audio/video, con videocamere e smartphone, tra i dettagli, gli scorci, le persone e la vita del quartiere per raccontare storie, personali e collettive, e creare una serie di brevi documentari video;
  •  Cucina dal Mondo, realizzato con la collaborazione degli operatori e genitori del Centro di Quartiere La Bottega dei Sogni, che prevede ad ogni incontro la presentazione e preparazione di una ricetta tipica di un paese, con la possibilità di realizzare a fine serata una cena condivisa.
  •  con il laboratorio di Radio web si realizzerà una trasmissione radiofonica che offrirà ai partecipanti uno spazio dove raccontarsi e raccontare la città, esprimere opinioni e punti di vista e approfondire tematiche proprie del progetto. Il programma sarà trasmesso sulle frequenze di Unica Radio e Radio ondecorte.
  •  E infine il laboratorio di fotografia, articolato in due moduli: Atlanti, che prevede la creazione di album fotografici personali nei quali i partecipanti racconteranno la storia della propria famiglia e dell’eventuale esperienza migratoria e Nessuna Nuova Fotografia, nel quale i partecipanti saranno portati a selezionare, attraverso progressive fasi di editing, delle fotografie che hanno già realizzato nella loro vita quotidiana con l’obiettivo finale di realizzare una piccola fanzine.

Per consentire la partecipazione dei genitori, durante le attività destinate agli adulti sarà attivato uno spazio ludico per bambini gratuito, ma su prenotazione.

A.C.C.RE.S.C.E. è realizzato in rete con la collaborazione di diverse associazioni e cooperative: il F4CR network (Fight for Children’s Rights) che si occupa di formazione e diritti dell’infanzia e adolescenza; la Cooperativa sociale Il Giardino di Clara che collabora attraverso il suo progetto editoriale Typos, in particolare Radio Onde Corte; Inmediazione APS con esperienza pluriennale su tematiche sociali nel campo della produzione audiovisiva, comunicazione e disabilità; Cooperativa Sociale Passaparola che si occupa di servizi socio educativi, aggregazione, animazione, formazione e supporto alla genitorialità; Puntozero Associazione Culturale, che opera nel campo della fotografia intendendo la disciplina come strumento di indagine dei luoghi e dell’identità, Sardinia Open Data associazione no profit che si occupa di promuovere e sostenere la cultura e la pratica della filosofia “Open Data”; Unica Radio, emittente radiofonica degli studenti universitari di Cagliari. Partner del progetto è anche L’Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni del Dipartimento Giustizia Minorile.

Le attività si svolgeranno presso il Centro di quartiere La Bottega dei Sogni, un progetto dell’Associazione Efys Onlus finanziato dal Comune di Cagliari – Assessorato alle Politiche Sociali, Legge 285/97 “Diritti e opportunità per l’infanzia e l’adolescenza”.

Per tutti gli aggiornamenti sul progetto ACCRESCE, la comunità educante si fa rete!

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email
Exemple

Nell’ambito del progetto “Jump – ciclo di incontri sulla mediazione penale minorile e la giustizia riparativa”

lunedì 10 febbraio 2020 alle ore 10.00, si terrà presso la Facoltà di Studi Umanistici, in Via Is Mirrionis 1 (Aula 3 del corpo centrale)
il seminario formativo organizzato in collaborazione con il Centro per la Giustizia minorile della Sardegna e la Prof.ssa Claudia Secci e la Dott.ssa Laura Pinna.

Intervengono:
Dott.ssa Caterina Perra, CGM Sardegna – “La giustizia riparativa in Sardegna: esperienze e prospettive”
Dott.ssa Federica Palomba, CGM Sardegna – “Una giustizia per i minori: tra responsabilizzazione e riparazione”
Prof.ssa Claudia Secci – Il valore formativo dell’azione penale con i giovani e i giovani adulti
Dott.ssa Laura Pinna – “Imparare a Riparare giustamente fin da piccoli!”
Dott. Alessio Pusceddu – “Il ruolo dell’educatore e del pedagogista nel recupero della devianza minorile. Il valore della formazione universitaria”

Modera il Dott. Fabio Cruccu, presidente del F4CR Network
……………………………………………………………….
📌 Sono previsti 0,5 CFU per gli studenti di Scienze dell’educazione e della formazione e di Scienze pedagogiche e dei servizi educativi che parteciperanno al seminario e consegneranno una relazione scritta.

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email
Exemple

L’azione Seminari&Workshop del progetto ACCRESCE prosegue con tre appuntamenti dedicati al cyberbullismo

“Bullismo, cyberbullismo e insidie della rete. Conoscere, prevenire e gestire” nasce con l’intento di fornire ai partecipanti  strumenti pratici e utili per individuare strategie di intervento e di contrasto ai fenomeni del bullismo e del cyberbullismo. 

L’intervento individua i rischi legati all’uso della rete Internet e delle nuove tecnologie, prestando attenzione all’utilizzo diffuso degli strumenti informatici nel nostro vivere quotidiano. Quel che accade nel mondo virtuale, infatti, non è altro che una naturale estensione della nostra persona. Il seminario fornisce conoscenze utili a riconoscere e a distinguere i fenomeni di bullismo, cyberbullismo e altre condotte a rischio (online e in presenza), con richiami su un uso corretto dei social network per contrastare il discorso d’odio online (il cosiddetto “hate speech”) utilizzando parole semplici e casi concreti per portare a conoscenza dei partecipanti un lessico sconosciuto ai più, offrendo parole chiave, suggerimenti e strategie difensive che consentano di utilizzare al meglio le nuove tecnologie e le potenzialità offerte dalla rete, attrezzandosi per tutelare i diritti dei grandi e dei più piccoli, spesso esposti in modo non voluto alle minacce che si nascondono nel web.

 

PROGRAMMA SEMINARIO E WORKSHOP

CYBERBULLISMO / 2020

  • venerdì 28 febbraio alle 18.00,Bullismo, cyberbullismo e insidie della rete. Conoscere, prevenire e gestirea cura di Fabio Cruccu (giurista esperto in diritto minorile), Valeria Ligas (pedagogista), Maria Antonietta Maccotta (psicopedagogista e arteterapeuta).
    Il seminario fornirà conoscenze utili a riconoscere e a distinguere i fenomeni di bullismo, cyberbullismo e altre condotte a rischio (on line e in presenza), con richiami su un uso corretto dei social network per contrastare il discorso d’odio on line (c.d. hate speech). Verranno presentati strumenti pratici e utili per individuare strategie di intervento e di contrasto a tali fenomeni.

Al seminario seguiranno due workshop che, a causa della restrizioni dovute all’acuirsi della pandemia, si svolgeranno a distanza su piattaforme online.

  • giovedì 30 aprile e giovedì 7 maggio “Bullismo, cyberbullismo e insidie della rete” organizzato dall’associazione Efys in collaborazione con il F4CR network e a cura di Fabio Cruccu (giurista esperto in diritto minorile), Valeria Ligas (pedagogista), Maria Antonietta Maccotta (psicopedagogista e arteterapeuta).  Due incontri pensati come naturale prosecuzione del seminario formativo tenutosi presso la Bottega dei sogni a Cagliari il 28 febbraio e rivolto ad una platea più ristretta, interessata ad approfondire alcuni punti focalizzati in precedenza e condotto in remoto attraverso laboratori e discussioni tra i partecipanti utilizzando la piattaforma gotomeeting. Realizzare a distanza, a causa delle restrizioni causate dal covid-19, un workshop pensato in presenza fisica è stata una sfida impegnativa ma anche un’occasione per sperimentare modalità di formazione online alternative.

    Attraverso laboratori, simulazioni, visioni di brevi filmati scelti ad hoc e il reciproco scambio audio-video, i partecipanti hanno analizzato il contesto in cui agiscono i ragazzi, operato una distinzione tra azioni di bullismo/cyberbullismo e altre condotte, hanno riflettuto sulla figure (attori) presenti in una situazione di bullismo scolastico e indicato quali tematiche vorrebbero approfondire nel secondo incontro: l’importanza dell’empatia, bullismo e disabilità, il ruolo della famiglia e il ruolo della scuola. Il secondo workshop, attraverso laboratori e il reciproco scambio audio-video, ha approfondito il delicato rapporto del bullismo nelle situazioni scolastiche, il ruolo degli insegnanti, la posizione della famiglia (cosa fare se si è genitore di un figlio bullo e/o genitore di un figlio vittima) e sottolineato l’importanza di trovare una chiave di lettura dei fenomeni nel ricorso al potenziamento della gestione delle emozioni e dell’empatia. Il workshop si è concluso con indicazione di approfondimenti per i partecipanti sulle tematiche trattate: bullismo e disabilità, mappe concettuali sull’analfabetismo emotivo e la gestione delle emozioni, indicazioni di bibliografia, sitografia e filmografia.

 

 

Locandina Seminario Cyberbullismo-ACCRESCE

 

Efys è un ente convenzionato con l’Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Sardegna, sarà possibile presentare richiesta di accreditamento ex post per “eventi formativi non accreditati ex ante”.

 

 

 

 


I Seminari&workshop ACCRESCE si propongono di rafforzare la rete della comunità educante offrendo nuovi strumenti operativi a educatori, docenti, genitori, personale dei servizi territoriali e cittadini che a vario titolo hanno un ruolo educativi. Gli incontri interattivi hanno lo scopo di approfondimento delle tematiche dei seminari, con la possibilità di fissare degli incontri personalizzati con l’equipe di counselling psico-pedagogico.

Il progetto Accresce – Azioni Condivise per la Creazione di una Rete di Sostegno per la Comunità Educante è ideato e promosso dall’Associazione EFYS Onlus con i contributi dell’8×1000 Valdese e si propone di mettere in Rete tutti gli attori della comunità educante e rafforzarne le competenze con strategie innovative di formazione, coinvolgimento, aggregazione e messa a sistema delle buone prassi.

Le azioni ACCRESCE sono promosse con il supporto di una fitta rete di associazioni e cooperative del territorio: F4CR network, Cooperativa sociale – Il Giardino di ClaraUnica RADIOInmediazioneCooperativa sociale PassaparolaAssociazione Culturale PuntozeroSardinia Open data e il sostegno dell’Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni del Dipartimento Giustizia Minorile.

 

Per saperne di più sul progetto ACCRESCE, la comunità educante si fa rete!

 

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email
Exemple

Il 2020 si apre con nuovi progetti

Iniziamo con JUMP: progetto realizzato con il contributo dell’AGIA (Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza), finalizzato alla promozione della mediazione penale minorile quale percorso che promuove i valori della persona, l’educazione alla legalità e i diritti.

Nel panorama internazionale il sistema della giustizia minorile italiano è certamente riconosciuto per la sua capacità di tutelare il minore reo nell’iter processuale. Tuttavia, questo contesto, seppur molto avanzato, fatica ancora a dare una reale collocazione ad uno strumenti degli innovativi e più interessanti: quello della mediazione penale minorile. Occorre per questo motivo adoperarsi per effettuare un salto (il “JUMP” titolo del progetto) che consenta di raggiungere una nuova consapevolezza.

Il primo degli incontri si svolgerà giovedì 16 gennaio 2020 alle 18.30 presso la Comunità La Collina a Serdiana. Interverranno:

Stefania Pisanu: mediatrice Penale
Caterina Perra: CGM Sardegna
Ettore Cannavera: Comunità La Collina

Modera:
Roberto Loddo – Presidente cooperativa sociale Il Giardino di Clara

Info evento facebook

Il progetto è realizzato da EFYS in collaborazione con

F4cr network – Fight for Children’s Rights è una giovane associazione che opera a Cagliari e che promuove i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza sanciti dalla Convenzione ONU del 1989 attraverso incontri tematici presso scuole, Università e centri di aggregazione.

L’associazione Asarp, associazione sarda per l’attuazione della riforma psichiatrica, con al suo attivo il sostegno a persone con esperienza di sofferenza mentale autori di reato e loro familiari, è stata capofila all’interno del comitato sardo stop OPG (Ospedali psichiatrici giudiziari), con il progetto Radio onde corte, la prima radio della Salute Mentale in Sardegna.

 

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email

Al via l’azione Seminari&Workshop del progetto ACCRESCE con un appuntamento dedicato a giovani e dipendenze che nasce dall’esigenza di discutere e approfondire i temi relativi alle problematiche correlate alle dipendenze in ambito nazionale e internazionale, attraverso la conoscenza, le testimonianze e le esperienze provenienti dalla Comunità “Piccolo Ponte” (Brasile). 

Il progetto informativo/formativo e di confronto tra due realtà educative: Italia/Brasile si rivolge alla comunità educante locale nell’ambito del progetto ACCRESCE, realizzato da Efys in collaborazione con la cooperativa sociale Passaparola e la partecipazione di Rita Maria Alves, presidente dell’associazione Pequena Fraternidade impegnata nel recupero dei bambini in vulnerabilità sociale a Salvador-Bahia, coadiuvata dall’educatore Andrea Abis.

Si tratta di due seminari destinati a stimolare riflessioni sul tema delle dipendenze, pensati e offerti a ragazzi, educatori e genitori per favorire un confronto tra le esperienze progettuali e operative messe in campo dagli operatori nel confronto tra i due territori (Italia-Brasile) acquisite nel tempo. Le realtà educative (scuola, famiglia) oggi stanno vivendo un momento di grande difficoltà ed educatori, psicologi, pedagogisti e assistenti sociali si ritrovano ad affrontare delle situazioni di particolare complessità, in un contesto sociale altrettanto in crisi.
PROGRAMMA SEMINARIO E WORKSHOP

GIOVANI E DIPENDENZE/ 2020

  • sabato 25 gennaio progetto informativo/formativo e di confronto tra due realtà educative: Italia/Brasile con le testimonianze e le esperienze provenienti dalla Comunità “Piccolo Ponte” (Brasile) e la partecipazione di Rita Maria Alves, presidente dell’associazione Pequena Fraternidade impegnata nel recupero dei bambini in vulnerabilità sociale a Salvador-Bahia, coadiuvata dall’educatore Andrea Abis.L’incontro ha affrontato il concetto di dipendenza attraverso una riflessione focalizzata sui luoghi di rischio e sui fattori ambientali e genetici che possono favorire episodi di dipendenza, anche con l’intento di favorire una prevenzione sugli interventi e una presa di coscienza “comune” sulla problematica in questione. 

    Attraverso un percorso in tre tappe si sono affrontate le principali criticità della dipendenza, tra rapporti personali, familiari e della collettività, per poi focalizzarsi sulle risposte e i metodi attuati nell’aiutare le persone con dipendenza, per concludere con testimonianze provenienti dalla comunità di recupero brasiliana.Queste conoscenze e confronti contribuiscono ad inserire un valore aggiunto al nostro lavoro, sollecitando l’importanza della cultura del lavoro di rete, esaltando la condivisione come mezzo ancora più efficace soprattutto se paragonato al lavoro di una sola persona. 

Efys è un ente convenzionato con l’Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Sardegna, sarà possibile presentare richiesta di accreditamento ex post per “eventi formativi non accreditati ex ante”.


I Seminari&workshop ACCRESCE si propongono di rafforzare la rete della comunità educante offrendo nuovi strumenti operativi a educatori, docenti, genitori, personale dei servizi territoriali e cittadini che a vario titolo hanno un ruolo educativi. Gli incontri interattivi hanno lo scopo di approfondimento delle tematiche dei seminari, con la possibilità di fissare degli incontri personalizzati con l’equipe di counselling psico-pedagogico.

Il progetto Accresce – Azioni Condivise per la Creazione di una Rete di Sostegno per la Comunità Educante è ideato e promosso dall’Associazione EFYS Onlus con i contributi dell’8×1000 Valdese e si propone di mettere in Rete tutti gli attori della comunità educante e rafforzarne le competenze con strategie innovative di formazione, coinvolgimento, aggregazione e messa a sistema delle buone prassi.

Le azioni ACCRESCE sono promosse con il supporto di una fitta rete di associazioni e cooperative del territorio: F4CR network, Cooperativa sociale – Il Giardino di ClaraUnica RADIOInmediazioneCooperativa sociale PassaparolaAssociazione Culturale PuntozeroSardinia Open data e il sostegno dell’Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni del Dipartimento Giustizia Minorile.

Per saperne di più sul progetto ACCRESCE, la comunità educante si fa rete!

 

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email
Exemple

Centro di Quartiere

Continuano le attività del Centro di Quartiere La Bottega dei Sogni
con qualche novità negli orari del sostegno scolastico/spazio compiti e delle attività ludiche per ragazzi.
Per partecipare è necessario compilare il modulo di iscrizione che si può richiedere direttamente al Centro negli orari di apertura o via mail/telefono
La partecipazione alle attività è gratuita.

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email
Exemple

Good Vibes – Lab Cineforum

Parte il 13 marzo il nuovo laboratorio del progetto Good Vibes: la parola ai ragazzi!

Il laboratorio è dedicato a ragazzi dai 13 ai 17 anni e si terrà il mercoledì dalle 18.30 alle 20.30. Le attività sono finalizzate alla progettazione e realizzazione di una rassegna cinematografica con lungometraggi e/o cortometraggi su tematiche scelte dai partecipanti e relative ai diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. La partecipazione è gratuita, per iscrizioni e informazioni contattateci via mail assoc.efys@gmail.com o via tel 334 9608170.

Good Vibes è un progetto dell’Associazione Efys Onlus, realizzato in collaborazione con F4CR Network (Fight for Children’s Rights) e la cooperativa sociale Il Giardino di Clara / Typos – Radio Onde Corte, realizzato con il contributo dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza.

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email