Exemple

Cucina dal mondo è una serie di podcast con le voci delle mamme del Centro di Quartiere La Bottega dei Sogni curati da Unica Radio.

Ad inaugurare la serie dedicata alla cucina tradizionale delle nostre mamme è un racconto culinario che ci porta in Tunisia, alla scoperta di una ricetta tradizionale dolce tipica nordafricana (Tunisia e Algeria): il Makroud.

A raccontarci come si cucina è la voce di Hamida.

Podcast 2 Cucina dal mondo, Hamida e il Makroud

Buon ascolto e buon appetito!

Ricetta

Makroud (المقروض), makrout, maqroudh, o maqrouth, sono dei dolcetti nordafricani tipici della Tunisia e dell’Algeria. 

INGREDIENTI per 6 persone 

Per la pasta

  • 1 kg di semola di grano duro
  • 250 gr olio di oliva
  • 1 cucchiaino di curcuma
  • acqua tiepida
  • un pizzico di sale

Per il ripieno

  • 1 kg di datteri
  • 1 cucchiaino  di cannella
  • 4 chiodi di garofano
  • 1 pizzico di zafferano

Per lo sciroppo

  • 300 g di acqua
  • 200 g di zucchero
  • 1 limone
PREPARAZIONE

Impasto: impastiamo la semola con l’olio e un cucchiaino scarso di curcuma, uniamo dell’acqua tiepida poco per volta.  A questo punto continuiamo a impastare sino ad ottenere un panetto elastico ed omogeneo. Facciamo infine riposare l’impasto per circa mezz’ora.

Ripieno: snoccioliamo i datteri e li tagliamo a pezzetti. Li frulliamo aggiungendo un pizzico di zafferano, un cucchiaino di cannella, qualche chiodo di garofano pestato e un pò di olio. Dividiamo il ripieno in tre o quattro parti e lo stendiamo con le dita per formare dei serpentelli.

Lavorazione: dividiamo la pasta in quattro parti e stendiamo ogni panetto fino ad ottenere  dei rettangoli lunghi alti 1 cm. Inseriamo nel centro di ogni rettangolo di pasta il ripieno di datteri lasciando i bordi liberi. Arrotoliamo e schiacciamo leggermente la pasta con il ripieno. Tagliamo in diagonale, creando dolcetti a forma di rombo della grandezza di circa 5 cm.

Decorazione: prepariamo lo sciroppo facendo sciogliere a fuoco dolce: 300 g di acqua, 200 g di zucchero e il succo di un limone. 

Cottura: friggiamo i dolcetti e dopo averli scolati li immergiamo per un minuto nello sciroppo caldo e facciamo sgocciolare. 

 

 

 

Per saperne di più leggi l’articolo di UnicaRadio Cucina dal mondo: Hamida e la ricetta del Makroud (Tunisia)

 


Lingua, cultura e cucina dal mondo fa parte della LINEA LABORATORI intergenerazionali, finalizzati a promuovere l’aggregazione sociale, l’intercultura, la partecipazione e la trasmissione dei saperi.

Il progetto Accresce – Azioni Condivise per la Creazione di una Rete di Sostegno per la Comunità Educante è ideato e promosso dall’Associazione EFYS Onlus con i contributi dell’8×1000 Valdese e si propone di mettere in Rete tutti gli attori della comunità educante e rafforzarne le competenze con strategie innovative di formazione, coinvolgimento, aggregazione e messa a sistema delle buone prassi.

Le azioni ACCRESCE sono promosse con il supporto di una fitta rete di associazioni e cooperative del territorio: F4CR network, Cooperativa sociale – Il Giardino di ClaraUnica RADIOInmediazioneCooperativa sociale PassaparolaAssociazione Culturale PuntozeroSardinia Open data e il sostegno dell’Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni del Dipartimento Giustizia Minorile.

Per saperne di più sul progetto ACCRESCE, la comunità educante si fa rete!

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email
Exemple

Il suono delle origini è il primo di una serie di podcast con le voci delle mamme del Centro di Quartiere La Bottega dei Sogni curati da Unica Radio.

Ad inaugurare la serie dedicata alle lingue è un primo racconto realizzato con la collaborazione dei partecipanti del laboratorio di Radio web del eprogetto Accresce, in occasione della Giornata Internazionale della Lingua Madre, hanno intervistato le mamme del Centro per scoprire qualcosa sulla loro storia linguisticae attraverso ninna nanne, filastrocche e scioglilingua ci hanno donato un momento di scoperta dei suoni della loro lingua madre.

Il primo podcast ha la voce di Hamida e ci racconta qualcosa della sua vita tra due cultura e due, e più, lingue, e soprattutto della comunicazione in famiglia tra italiano, arabo e francese.

Podcast 1 Hamida e la sua lingua madre (Tunisia)

Buon ascolto!


Proclamata nel 1999 dalla Conferenza Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura (UNESCO), la Giornata internazionale della Lingua Madre viene celebrata ogni anno da allora per promuovere la diversità linguistica e culturale.

La giornata nasce in ricordo dell’uccisione da parte della polizia di alcuni giovani studenti a Dacca in Bangladesh, il 21 febbraio 1952, durante una manifestazione per il riconoscimento della lingua bengalese quale lingua nazionale dell’allora Pakistan.

Il tema del 2021 vuole evidenziare l’importanza delle lingue adatte all’istruzione, generalmente lingue madri, nei primi anni di scuola. Le lingue madri facilitano l’accesso all’istruzione e promuovono l’equità, ma si legano anche allo sviluppo all’identità, la comunicazione, l’integrazione sociale, l’istruzione e lo sviluppo, in particolare se parliamo di gruppi di parlanti lingue minori e indigene e soprattutto se parliamo di ragazze e donne.

Le lingue madri sono fattori essenziali per la qualità dell’istruzione, che è alla base dell’emancipazione di donne e uomini e delle società in cui vivono.

Sul sito dell’UNESCO è possibile consultare l’Atlante delle lingue del mondo in pericolo (Atlas of the World’s Languages in Danger), una ricca raccolta di informazioni sulle tante lingue del mondo in pericolo di estinzione. Oggi usare — o non usare — taluni linguaggi può aprire una porta, o chiuderla, in diversi segmenti della società e in molte parti del mondo.


 

 

 

 

Per saperne di più leggi l’articolo di UnicaRadio Il suono delle origini: Haifa e la sua lingua madre

 


Lingua, cultura e cucina dal mondo fa parte della LINEA LABORATORI intergenerazionali, finalizzati a promuovere l’aggregazione sociale, l’intercultura, la partecipazione e la trasmissione dei saperi.

Il progetto Accresce – Azioni Condivise per la Creazione di una Rete di Sostegno per la Comunità Educante è ideato e promosso dall’Associazione EFYS Onlus con i contributi dell’8×1000 Valdese e si propone di mettere in Rete tutti gli attori della comunità educante e rafforzarne le competenze con strategie innovative di formazione, coinvolgimento, aggregazione e messa a sistema delle buone prassi.

Le azioni ACCRESCE sono promosse con il supporto di una fitta rete di associazioni e cooperative del territorio: F4CR network, Cooperativa sociale – Il Giardino di ClaraUnica RADIOInmediazioneCooperativa sociale PassaparolaAssociazione Culturale PuntozeroSardinia Open data e il sostegno dell’Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni del Dipartimento Giustizia Minorile.

Per saperne di più sul progetto ACCRESCE, la comunità educante si fa rete!

Facebook Twitter Google Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Email