Fotografia. Un balcone immaginario

Il laboratorio di fotografia si propone di riflettere con i ragazzi sull’atto del fotografare e sul suo scopo, un’azione che oggi come non mai è diventata per tutti quotidiana e a volte banale, quasi indispensabile per esprimerci, raccontarci, comunicare.

Un balcone immaginario è un laboratorio di fotografia urbana dove, grazie all’utilizzo dell’asta telescopica da 7,5 metri, si potranno realizzare delle vedute della città da una quota pari a quella di un balcone, soprattutto dove balconi non ce ne sono.

La scelta degli scorci della città da fotografare sarà collegiale, in modo che i partecipanti possano soddisfare il desiderio di vedere dall’alto alcune parti della città.

In aggiornamento…

 

Le attività sono realizzate in collaborazione con Associazione Puntozero, che opera nel campo della fotografia intendendo la disciplina come strumento di indagine dei luoghi, collabora alla programmazione dei seminari e alla realizzazione del laboratorio di fotografia

 


NOTA DI PUNTOZERO E EFYS

Il laboratorio Nessuna nuova fotografia e Un balcone immaginario sono stati realizzati nel pieno della seconda/terza ondata pandemica, nel gennaio del 2021 e poi tra estate e autunno 2021, e nonostante le modalità “d’emergenza” e il distanziamento sociale, in alcuni casi anche fisico per chi si trovata a seguire a distanza perchè in quarantena fiduciaria, ogni fase di lavoro ha visto grande impegno da parte del gruppo nell’approcciarsi alla proposta laboratoriale, una riflessione sulla quale nessuno dei ragazzi si era mai soffermato.

L’uso di nuovi strumenti e tecnologie: dalle piattaforme online di grafica agli strumenti di editing delle immagini ha dato modo di iniziare un primo approccio al fascino e alle enormi potenzialità della fotografia, anche a livello professionale. Chissà che questo non diventi per alcuni dei ragazzi il primo passo verso la passione fotografica!


I NOSTRI LABORATORI DI FOTOGRAFIA URBANA